Museo delle Maschere Mediterranee Mamoiada Sardegna
Sardegna,  Zone interne

Il Museo delle Maschere Mediterranee di Mamoiada è family friendly!

Sulla scia del Carnevale appena concluso arriva questo post che è strettamente collegato alla storia di quest’originale festività.

Nell’articolo vi parlo di un museo dedicato alle maschere e alle tradizioni che legano insolubilmente la Sardegna ad altri paesi del Mediterraneo.

Ma non solo…

Vi racconto un museo che è assolutamente family friendly e che saprà incuriosire e interessare i piccoli visitatori.

Siete pronti per scoprire il Museo delle Maschere Mediterranee di Mamoida?

Benissimo, perché io sono prontissima a raccontarvelo! 😉

Il Museo delle Maschere Mediterranee di Mamoiada.

Visitando questa struttura museale si comprende immediatamente la sua particolarità e l’importanza della sua missione.

Si tratta infatti di un museo che ha l’ambizioso obiettivo di collegare un piccolo paese nel cuore della Sardegna, quale Mamoiada, con il resto del Mediterraneo.

La particolarità sta nel fatto che questo collegamento, e il suo racconto, avviene attraverso le maschere tradizionali del Carnevale, testimonianze preziose di una storia comune e condivisa.

Museo delle Maschere Mediterranee  musei per bambini in Sardegna
Mamuthones e Issohadore (maschere tradizionali di Mamoiada)

La storia del Carnevale in Sardegna ve l’ho raccontata nel post precedente (lo trovate cliccando qui); adesso voglio parlarvi nello specifico di questo museo e delle maschere tradizionali di Mamoida, ovvero i Mamuthones e Issohadores.

Li conoscete?

La visita al Museo delle Maschere Mediterranee di Mamoiada.

Il percorso espositivo di questa originale struttura museale alterna la visione di materiale multimediale con la possibilità di ammirare dal vivo alcune maschere della tradizione del Carnevale sardo e di alcuni paesi che si affacciano sul bacino mediterraneo.

La visita inizia con la visione di un documentario in cui si racconta e viene spiegata la storia e il significato del Carnevale di Mamoiada e delle sue misteriose maschere, i Mamuthones e gli Issohadores.

La particolarità di questo video (ed è l’aspetto che più ci interessa) è che sono proprio i bambini a raccontare il Carnevale di Mamoiada e le diverse interpretazioni che nel tempo sono state date a questi riti così originali e ancora oggi avvolti nel mistero.

Michele ha molto apprezzato questo documentario, che lo ha aiutato a non aver paura della “maschere terribili”, come le chiama lui! 🙂

Devo dire che l’idea di far raccontare maschere e festa ai bambini è assolutamente buona perché avvicina a questo mondo così misterioso i più piccoli. 🙂

Alla conclusione del documentario, si entra nel vivo del “Carnevale Barbaricino” con una sala dedicata alle maschere tradizionali del centro Sardegna.

Qui potrete ammirare da vicino non solo le maschere di Mamoiada, ovvero “Mamuthones e Issohadores“, ma anche i “Boes, Merdules e Filonzana di Ottana” e i “Thurpos di Orotelli“.

Museo delle Maschere Mediterranee - musei Sardegna
La “Sala del Mediterraneo”.

Una terza sala apre una finestra sulle tradizione carnevalesche del Mediterraneo. La “Sala del Mediterraneo” è suddivisa in tre ambiti geografici: l’arco alpino, la penisola iberica, la penisola balcanica. Di ogni area sono esposte le maschere tradizionali.

Vi stupirete nel scoprire come maschere e tradizioni di paesi diversi e lontani tra loro abbiano una storia comune e tante somiglianze nel loro significato e nelle loro forme.

Ma non vi dico di più perché dovete assolutamente visitare il Museo delle Maschere Mediterranee per scoprire questa straordinaria storia! 🙂

Mamuthones e Issohadores.

Le maschere tradizionali di Mamoiada possono vantare una storia antichissima che si è tramandata sino a noi di generazione in generazione.

L’origine del loro rito (e della loro particolarissima danza) si perde nella notte dei tempi, in un’epoca in cui l’uomo viveva praticamente in simbiosi con la natura.

Ed è al ciclo della natura e delle stagioni che le maschere dei Mamuthones e degli Issohadores sono indissolubilmente legati.

Ogni anno, questo rito che si ripete da tantissimo tempo inizia il 17 gennaio, giorno dedicato a Sant’Antonio Abate in cui si sancisce l’inizio del Carnevale Mamoiadino.

Mamthones e Issohadores, seppur così diversi, sono figure complementari della medesima rappresentazione teatrale. Esse infatti rappresentano l’immagine di un solo gruppo che è stato da sempre considerato dalla comunità locale patrimonio unico e inestimabile.

Il video di apertura dell’esposizione museale del Museo delle Maschere Mediterranee vi porterà in un’altra dimensione, arcaica e ancestrale, e vi spiegherà il profondo significato di queste maschere.

A fine documentario vi sarà chiaro che vestire la maschera di Mamuthones e Issohadores è una vera e propria vocazione.

Il rituale.

La stessa vestizione, che da inizio al rituale e segna l’inizio della trasformazione da uomo a Mamuthone o Issohadore (non si può entrambi), rappresenta un rito nel contempo sacro e profano.

Il culmine della vestizione è il momento in cui Mamuthones e Issohadores indossano la maschera perché è in questo preciso momento che i componenti del gruppo perdono la loro identità e si trasformano in esseri misteriosi e senza tempo.

Perché è il Museo delle Maschere Mediterranee di Mamoiada è adatto ai bambini.

Da quanto detto sinora si può intuire che il Museo delle Maschere Mediterranee è una realtà assolutamente adatta ai bambini.

Vi ho già parlato del documentario che dà inizio al percorso espositivo. Ma questo è solo uno dei servizi family friendly del museo.

All’interno della “Sala del Carnevale Barbaricino” è presente uno spazio in cui i visitatori più piccoli potranno disegnare e colorare le maschere dei paesi del Mediterraneo che avranno modo di vedere nelle diverse sale del museo.

Museo delle Maschere Mediterranee e i servizi per famiglie
Il “corner kids”.

Ma c’è di più…

Il personale del Museo delle Maschere Mediterranee ha pensato di ideare un’itinerario tematico dedicato esplicitamente alle famiglie.

L’itinerario si chiama “Una giornata in Barbagia – Kids” e prevede un percorso culturale alla scoperta di Mamoiada e del suo territorio.

Per concludere, vi posso dire che – vista l’esperienza diretta di Michele – il Museo delle Maschere di Mamoiada, la sua collezione e la storia che racconta, interesseranno sicuramente i più piccoli. 🙂

Informazioni pratiche.

Se (come spero) il mio post vi ha fatto venir voglia di visitare il Museo delle Machere Mediterranee, vi suggerisco di consultare il sito web del museo (lo trovate ciccando qua).

Potrete così ricevere informazioni sulle modalità di visita, orari e costi; nonché sulle diverse iniziative organizzate dalla struttura museale.

Concludendo…

Conoscevate già il Museo delle Maschere di Mamoiada?

Ovviamente aspetto i vostri commenti e racconti. Sapete che sono molto curiosa.

Avete anche qualche museo da consigliarmi per le prossime escursioni e post?

Io ho già qualcosina in mente per il mese di marzo, ma devo organizzare ancora per benino.

Voi, per restare aggiornati, seguitemi su Facebook, Twitter, Instagram e Pinterest.

A presto! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *