Grotta San Michele cosa vedere a Ozieri
Sardegna,  Zone interne

Grotta di San Michele a Ozieri. Un viaggio nella Preistoria.

Questa volta vi porto veramente a pochi passi da casa nostra…

Vi voglio raccontare di un luogo così tanto straordinario quanto, per lungo tempo, sottovalutato.

Un posto che da sempre fa parte dei ricordi degli ozieresi, ma che i miei stessi concittadini conoscono pochissimo.

Un sito che in un recente passato è stato ampiamente deturpato, ma che tanto tempo fa è stato un luogo sacro e importante…

Tanto da dare il nome a una delle più grandi culture del passato!

Che ne dite di venire con noi nella Grotta di San Michele per scoprire la culla della “cultura di Ozieri”?

Continuate a leggere il post e rimarrete colpiti da quello che questa grotta ha da raccontare!

In visita alla Grotta di San Michele durante il #blogtourOzieri18

Grotta di San Michele. Il sito.

Inizio col dire che si tratta di grotte di origine carsica il cui percorso si snoda al di sotto dell’abitato di Ozieri.

La sua origine è dovuta alla costante azione dell’acqua, che nei secoli ha letteralmente corroso la roccia calcarea, trasformandola in un dedalo di cunicoli e piccoli ambienti.

La Grotta di San Michele fu scoperta casualmente nel 1914 e da quel momento, sino all’epoca più recente, è iniziato il suo declino.

In periodo bellico infatti fu riadattata a rifugio antiaereo. Utilizzo che comportò diverse trasformazioni agli ambienti naturali.

Ma le peggiori devastazioni avvennero attorno agli anni ’50 del secolo scorso, quando fu completamente distrutta la prima, e più grande, sala del sito per fare spazio a un campo da calcio (io lo ricordo ancora!), oggi trasformato in ampio parcheggio.

Attualmente il percorso di visita si snoda per 56 m su uno sviluppo complessivo di circa 160 m.

La Grotta di San Michele è un luogo simbolo dell’archeologia sarda, perché al suo interno sono stati rinvenuti alcuni importanti reperti appartenenti al Neolitico Recente che per la loro qualità e le caratteristiche hanno dato il nome alla “Cultura di San Michele” o “di Ozieri”.

L’ingresso della Grotta di San Michele.

Grotta di San Michele. La storia.

Come accennavo prima la Grotta di San Michele è stata scoperta e scavata per la prima volta nei primi anni del ‘900.

Si è così scoperto che questo sito, che prende il nome da un’omonima chiesa presente nelle vicinanze e oggi non più esistente, era stato utilizzato nella Preistoria come necropoli, quindi luogo di sepoltura.

All’interno della Grotta di San Michele non vi abitavano i nostri antenati, ma vi venivano sepolti.

Era dunque un luogo sacro, la cui sacralità permase sino all’epoca cristiana, come dimostra la presenza della citata chiesa.

Dicevo che era un luogo di sepoltura. Ma anche qui c’è una particolarità! Si tratta infatti di una sepoltura “a pozzo”. In altre parole i defunti venivano letteralmente calati dall’alto all’interno della Grotta mediante una cavità oggi andata perduta.

I bellissimi reperti rinvenuti, e oggi custoditi in parte all’interno del Museo Sanna di Sassari (per scoprirlo leggi qui) e in parte nel Civico Museo Archeologico di Ozieri, non sono altro che parte dei corredi funerari che accompagnavano il defunto nel suo viaggio nell’aldilà.

La Cultura di Ozieri.

La “Cultura di Ozieri”, che prende il nome proprio dalla nostra Grotta, fu una cultura prenuragica che si sviluppò in tutta la Sardegna durante un arco di tempo compreso tra il 3.200 e il 2.800 a. C.

Nelle due campagne di scavo realizzate all’interno della Grotta di San Michele nel 1914 e nel 1949 furono ritrovati alcuni reperti che presentavano caratteristiche e rifinitura sino a quel momento mai visti in Sardegna.

Tali ritrovamenti erano la testimonianza tangibile di un notevole progresso sociale e culturale raggiunto dalle popolazioni preistoriche sarde, comunemente indicato come per l’appunto “Cultura di Ozieri” o “Cultura San Michele”.

Noi in visita alla Grotta di San Michele durante “Monumenti Aperti 2018”.

Visita alla Grotta di San Michele. Un’esperienza adatta ai bambini.

Entrare in una grotta e percorrere qualche metro nelle profondità della terra è sempre un’esperienza che affascina i bambini, a prescindere dalla loro età.

I più grandicelli poi potranno imparare “dal vivo” importanti e affascinanti nozioni di storia, in particolare di storia della Sardegna.

Il percorso di visita è abbastanza agevole (c’è solo un punto in cui bisogna chinarsi un pochino) ma ovviamente il passeggino deve rimanere in biglietteria.

L’ingresso della Grotta di San Michele è preceduto da un ampio piazzale, proprio nel punto in cui sino agli anni ’50 del secolo scorso sorgeva la prima sala, in cui i bambini posso giocare e correre in tutta tranquillità.

Informazioni utili.

La Grotta di San Michele si trova all’interno dell’abitato di Ozieri, nelle immediate vicinanze dell’Ospedale Civile.

E’ facilmente raggiungibile perché basta seguire le indicazioni per l’Ospedale.

A pochi metri dall’ingresso alla Grotta si trova un ampio parcheggio a pagamento.

Se volete ricevere maggiori informazioni sulle modalità di visita, vi consiglio di contattare l’ente che gestisce il sito (cliccate qui).

Consiglio vivamente di abbinare la visita della Grotta di San Michele a quella al Museo Archeologico “alle Clarisse” (ve ne parlo qua).

Grotta San Michele a Ozieri
L’interno della Grotta di San Michele.

Per la sua particolarità e importanza, la Grotta di San Michele è stata una delle tappe del blog tour di Novembre che ha visto 10 blogger in giro per Ozieri e il territorio (se non sapete di cosa si tratta cliccate pure qui). Anche in quel caso ha saputo affascinare i visitatori! 🙂

Il sito inoltre è inserito tra le tappe della manifestazione “Monumenti Aperti” che, in primavera, richiama moltissimi visitatori da tutta l’Isola.

Conoscevate questo sito archeologico?

Se volete scoprire insieme a noi luoghi nuovi e affascinanti (e assolutamente a misura di bambino), seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest e Google +.

Al prossimo post! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *