Lucca: un itinerario veloce per iniziare ad amarla!

centro storico di Lucca

Lucca è una delle città toscane che preferisco. Tra i tanti monumenti di cui è ricca, quello che prediligo è sicuramente la cinta muraria. Lucca infatti è detentrice di una delle cerchie murarie meglio conservate d’Europa. Nel corso del XIX secolo le mura sono state trasformare in un meraviglioso viale alberato: luogo ideale per una passeggiata, per trascorrerci un piacevole pomeriggio (magari sorseggiando un caffè in uno dei tanti locali carini posti lungo il percorso) oppure per praticare dello sano sport.

centro storico di Lucca

in giro per le vie di Lucca.

Ho sempre amato questa città, la sua storia, i suoi monumenti e, a esser sinceri, i suoi negozi 😉 sin dai tempi dell’università a Pisa.

Per questo motivo ho deciso di inserirvi una sosta durante #seguimipapà, il nostro viaggio estivo.

bimboinspalla a Lucca.

Siamo stati a Lucca a fine luglio. La nostra è stata una breve sosta, durata appena una sera e una mattina, ma ho voluto comunque portare la mia famiglia a conoscere questo luogo, che conserva ancora intatto il suo fascino medievale.

Nel post vi vogliamo raccontare la nostra esperienza lucchese e proporvi un itinerario per conoscere questa città (anche se in sole poche ore).

Avendo poco tempo a disposizione (una mattinata) ho deciso di portare tutta la combriccola nei luoghi di Lucca che preferisco!

Dato che siamo arrivati a Lucca nel tardo pomeriggio abbiamo potuto vivere il suo centro storico nelle ore serali e vederlo animato dalla musica del Lucca Summer Festival, dal chiacchierio delle persone e dalle luci dei tantissimi locali aperti sino a tarda notte.

Unica criticità: i parcheggi e districarsi con l’auto per le vie del centro. Essendo il centro storico area pedonale, le auto dei non residenti possono transitare con speciali permessi solo per le azioni di carico e scarico dei bagagli davanti alle strutture ricettive. Muoversi per queste vie (alcune strettissime) non è facilissimo, soprattutto se lo si fa di notte e durante il Lucca Summer Festival (parliamo per esperienza ;)). Anche la cartina turistica non ci è stata molto d’aiuto e ci siamo dovuti affidare alla gentilezza e disponibilità dei lucchesi!

Un itinerario per conoscere Lucca.

Noi abbiamo scelto di alloggiare in pieno centro storico (maggiori info in fondo al post), così da poter visitare il centro storico comodamente a piedi.

Nota da mamma: Lucca è una città facilmente visitabile con il passeggino perché totalmente in pianura.

Il nostro itinerario prende le mosse da quello che forse è il simbolo della città: la bellissima piazza dell’Anfiteatro, nata sulle rovine dell’antico Anfiteatro romano (II secolo d. C.) di cui conserva ancora la particolare forma ellittica.

Da qui ci siamo mossi alla scoperta della città e percorrendo via Fillungo, l’arteria principale del centro storico (non senza fermarci in qualche negozio), e altre vie siamo giunti nelle diverse tappe che compongono questo itinerario:

San Frediano a Lucca

Mosaico della facciata del San Frediano.

  1. Basilica di San Frediano. È una delle più antiche chiese di Lucca. Fu realizzata agli inizi del XII secolo secondo i dettami dello stile romanico- L’edificio medievale venne costruito su un precedente luogo di culto (VI secolo d. C.) dedicato ai tre santi Vincenzo, Stefano e Lorenzo. Di fronte a questa chiesa non si può non ammirare il bellissimo mosaico che decora la parte superiore della facciata. L’opera raffigura l'”Ascensione di Cristo tra angeli alla presenza degli Apostoli”. Curiosità storico-artistica: in origine al centro, tra gli Apostoli, compariva la figura della Madonna, andata distrutta per far posto alla monofora ancora visibile.
  2. Torre Guinigi. È una delle più importanti torri di Lucca. Costruita in pietra e mattoni, è resa unica dalla presenza di alcuni lecci sulla sua sommità. È l’unica torre di proprietà di una famiglia privata a non essere stata mozzata durante il XVI secolo. Data la fila all’ingresso e il poco tempo a nostra disposizione abbiamo rinunciato a salire sino in cima, ma posso assicurare che da lì su si può godere di una splendida vista sulla città e sul territorio.
  3. Torre dell’Orologio. Si trova nella stretta via Fillungo e con i suoi 50 m circa di altezza è la più alta torre della città. Questa Torre risale al XIII secolo, mentre la decisione di collocarvi un orologio fu presa sul finire del XIV secolo. L’Attuale orologio risale al 1754, come riportato nella banderuola in ferro che sovrasta la costruzione.
  4. Chiesa di San Michele. L’edificio è sita nell’area che un tempo fu occupata dal foro romano. La sua costruzione ebbe inizio attorno al 1070 e continuò sino al XV secolo. Curiosità storica: in epoca medievale l’accesso alla chiesa era possibile solo attraversando un ponte di legno, detto “ponte al Foro”, che sovrastava il canale che attraversava la piazza.

    Il Labirinto di Lucca.

    Il Labirinto inciso su un pilastro della Cattedrale.

  5. Cattedrale di San Martino. Secondo la tradizione il Duomo venne fondato da San Frediano nel VI secolo. In un secondo momento, nel’XI secolo, venne riedificato e successivamente rimaneggiato (XII-XIII secolo). Ciò che è certo è che San Martino ricevette il titolo di Cattedrale nel’VIII secolo. A causa di importanti lavori di restauro non siamo riusciti ad ammirare appieno la bellezza di quest’edificio, ma comunque ho potuto far vedere a papà Paolo e a Michele il famoso labirinto inciso su uno dei pilastri in facciata. Curiosità storica: il porticato di questa chiesa nel medioevo era spesso occupato dai cambiavalute che lavorano con i pellegrini che percorrevano la via Francigena.

Una volta giunti presso la Cattedrale, e dopo averla visitata, siete proprio vicinissimi alla cinta muraria. Vi consigliamo quindi di regalarvi l’esperienza di una passeggiata lungo le mura rinascimentali della città.

b&b La Bohéme a Lucca.

Per il nostro soggiorno a Lucca abbiamo deciso di alloggiare in questo b&b, sito in un palazzo storico del centro, a pochi metri dalla chiesa di San Michele e dall’omonima piazza.

La struttura è molto caratteristica. Ogni stanza porta il nome di una delle opere del musicista lucchese Giacomo Puccini ed è arredata con cura con mobili d’epoca.

Il personale è molto gentile e disponibile. Merita una menzione particolare la buonissima colazione, arricchita con dolci freschi della vicina pasticceria.

Per maggiori info consultare il sito web http://www.boheme.it/.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *