Le Sognatrici: occhi chiusi che guardano lontano!

Il post dedicato a Le Sognatrici potrebbe essere sintetizzato con una singola frase ovvero una sognatrice ne riconosce sempre un’altra! Questo accade perché i sogni, qualunque sia la loro forma, hanno sempre la stessa consistenza.

È quello che è successo tra noi e Paola Cassano, l’ideatrice e la creatrice de “Le Sognatrici”. Ci siamo incrociati, ci siamo conosciuti, ci siamo riconosciuti (lei, a essere sincere, ha perso la testa per Michele ;)) e abbiamo deciso così di far incontrare i nostri sogni per provare (bisogna sempre azzardare quando si tratta di sogni) a creare, insieme, qualcosa di più grande.Michele con Le Sognatrici

Dato che voi che ci seguite sapete già quale è il nostro sogno, in questo post vogliamo raccontarvi quello di Paola e delle sue Sognatrici. 

Tutto ha inizio nel 2011, quando Paola prende la decisione di letteralmente dare un volto alle sue creazioni (inizialmente solo gioielli): nascono così “Le Sognatrici”, gioielli che riproducono volti di donne che nella vita hanno portato avanti il loro sogno. Ci sono Frida Kahlo, Emily Dickinson, la giapponese Akiko, solo per citarne alcune. Sono tutte donne che, nonostante i percorsi di vita diversi e distanti, sono accomunate dall’avere un sogno e dal portarlo avanti nonostante tutto.

I sogni, si sa, una volta iniziati diventando una vera valanga in continuo movimento e metamorfosi. Una vera Sognatrice si riconosce dalla sua capacità di adattarsi alle esigenze del proprio sogno e da quella di affrontare le sfide che la vita le pone davanti. Nessuno ha mai detto che realizzare un sogno sia una cosa facile!

Nel 2013 Paola accetta una nuova sfida e inizia a lavorare alle prime illustrazioni grafiche de “Le Sognatrici”: al viso si aggiunge la possibilità di associare un corpo che con i suoi abiti racconti la terra, la cultura e la personale storia di ogni Sognatrice. “Le Sognatrici” diventano così un progetto sempre più grande che coinvolge donne realmente vissute e donne create dalla fantasia di Paola. Caratteristica comune: il viso frontale, la bocca a cuore, le lunghe ciglia, ma soprattutto gli occhi chiusi. Una Sognatrice non ha bisogno di tenere gli occhi aperti per vedere lontano: è il suo sogno a permetterle di guardare oltre la realtà che la circonda. Gli occhi chiusi custodiscono il suo sogno e testimoniano come sia l’istinto a guidarla nel costante tentativo di realizzarlo.

Il progetto cresce e a Paola viene voglia di vestire le sue Sognatrici con gli abiti della nostra tradizione, disegnati nei loro preziosi dettagli. Un modo davvero originale d’indossare l’abito tradizionale femminile sardo. Ha inizio così una vera invasione di Sognatrici. Gli occhi chiusi di queste donne arrivano in diverse parti del mondo, indossate da “portatrici sane di sogni”.

La bellezza di questo progetto è che tutte (o quasi) si possono riconoscere in una Sognatrice. Non vuole essere una moda, ma un vero tratto distintivo che indichi che quella donna (non importa l’età) porta avanti il suo sogno, che può essere professionale, familiare, d’amore.Noi con Le Sognatrici

Sognare vuol dire amare. Ed è proprio l’amore per quello che fa che caratterizza il progetto di Paola. Quando entri nel suo dream store, troverai una persona che, tra una caramella e l’altra, è interessata a conoscere la tua storia. Il tuo sogno. Solo così potrà riconoscere la Sognatrice giusta per ciascuna di noi!

Ammiro la sua caparbietà e la sua capacità di volare alto con molta semplicità. Inutile dire che mi piacciono tantissimo le sue creazioni. Non le porterei con me in ogni escursione se non fosse così! 🙂 Mi sono innamorata del suo sogno come lei si è innamorata del nostro. In poche parole: ci siamo riconosciute!

In conclusione non posso che augurarci (e augurarvi) che i nostri sogni ci portino lontano, ma soprattutto di divertirci tanto mentre cerchiamo di realizzarli!

Se volete saperne di più sui nostri progetti cliccate qui, invece se avete voglia di conoscere altre Sognatrici cliccate qui.

2 Commenti

  1. Marie

    Porto con fierezza la mia T-shirt ideata e disegnata da Maria Paola Cassano, “Le Sognatrici”. Porto con me la purezza del suo pensiero, la forza dell’affrontare la vita, l’apertura degli orizzonti al di là delle palpebre… Porto con fierezza le mie Sognatrici che ho introdotto nell’abbigliamento quotidiano nel mio studio professionale!Grazie, Paola!

    Risposta
    1. bimboins (Autore Post)

      Ciao, qual è la tua “Sognatrice”?

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *